Archivi del mese: settembre 2013

Seggiolari e ‘mpagliaseggia

Tra i mestieri in buona parte scomparsi, non possiamo fare a meno di ricordare i seggiolari e la caratteristica ‘mpagliaseggia. I seggiolari avevano bottega presso l’ospedale dell’Annunziata, l’ospizio dei trovatelli, e facevano sedie di tutti i tipi: grandi, medie, perfino … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

La Zumpata

La Zumpata (diversa dal “dichiaramento“) era una sorta di duello rusticano al coltello (detto nel ‘600 “smagliature” e nell’800 “sfarziglia”) di cui la “tirata”, o battesimo del sangue, dei camorristi era una sorta di raffigurazione. I camorristi del resto avevano, … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il Barbaro assassinio di Andrea Mansi, preludio delle “Quattro giornate di Napoli”

Era l’alba dell’8 settembre 1943. Un giovane marinaio di leva di Ravello, Andrea Mansi, classe 1919, faceva ritorno a Napoli, dove prestava servizio presso l’ospedale militare di Fuorigrotta, dopo una licenza breve. Ma Andrea era all’oscuro di ciò che sarebbe … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Cucchiere

È identificato con il romantico – e pressochè introvabile – guidatore di carrozzelle. Ma molto prima, e per lungo tempo, è stato il protagonista dei trasporti napoletani. A lui era affidata la sicurezza e la velocità di movimento dei viaggiatori … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il conciategami o conciatianine

Il Conciategami o conciatianine era l’artigiano che riparava sapientemente le stoviglie di creta: zuppiere, tegami, vasi, ciotole, e pentole di terracotta. Per ricongiungere i cocci si serviva di un trapano a mano particolarmente rumoroso (tant’è vero che si diceva: «ha … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Lo Zoccolaro

Questi bravi artigiani fabbricavano zoccoli di tutte le fogge e misure, lavorando per una clientela principalmente femminile, la nuda e robusta calzatura indispensabile alle contadine e alle lavoratrici. Lo zoccolo era molto comodo: d’estate manteneva il piede fresco e d’inverno … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento